Galleria Franco Noero

PIAZZA CARIGNANO 2
10123, TORINO
ITALIA
VIA MOTTALCIATA 10/B
10154, TORINO
ITALIA

Paulo Nazareth
Banderas Rotas

27 febbraio — 05 aprile 2014

La Galleria Franco Noero ha il piacere di presentare ‘Banderas Rotas’ di Paulo Nazareth, prima mostra personale in Italia e in Europa dell’artista.

 

Nel lavoro di Paulo Nazareth vita e arte spesso coincidono. Attraverso il linguaggio, la partecipazione, la selezione di oggetti e la loro rappresentazione l’artista sviluppa tematiche legate alla relazione tra le persone ed i numerosi differenti contesti che le circondano, spesso esplorando i concetti di etnia e di ideologia, in un’analisi profonda degli squilibri tipici del mondo che ci circonda sia a livello sociale che etico. Elemento centrale della vita del giovane artista brasiliano è l’atto del camminare: egli infatti intraprende lunghi viaggi attraverso i continenti, come quello effettuato nel 2011 - durato nove mesi - dalla sua città natale in brasile, Minais Geras, a Miami, Florida, in occasione della fiera di Art|Basel Miami Beach.

 

Come in una costante performance, Paulo Nazareth sublima il viaggio vissuto e lo restituisce attraverso le sue opere: fotografie, disegni e installazioni come cronache e diari, cataloghi per immagini.

 

Nello spazio centrale della galleria l’artista presenta l’installazione Banderas Rotas, che introduce e dà il titolo alla mostra: una cortina di vecchie televisioni sistemate su pile di pallet industriali delinea un’immaginaria barricata e ciascuno degli apparecchi trasmette un filmato girato dall’artista con mezzi di fortuna che ritrae una o più bandiere issate e svettanti sul paesaggio, ma visibilmente danneggiate o agitate dal vento. Le bandiere, latrici di ideali nazionalistici, sono per l’artista simbolo di un materialismo portato alle sue conseguenze più estreme. Esse definiscono geografie e territori sulla terra, ma quando issate sulle aste si liberano della loro gravità: sono vitalizzate e al tempo stesso alterate, e sono ritratte dall’artista nel paradossale limbo tra la loro funzione rappresentativa e quella, perlomeno teorica, di simbolo di libertà scosso o deteriorato.

 

Così come Banderas Rotas, anche il lavoro Drawings of African Flags si compone di rappresentazioni di bandiere, nello specifico i disegni su carta lucida delle 62 bandiere degli stati che compongono il continente africano. L’artista si appropria dei colori, delle geometrie e delle simbologie che rappresentano ognuno dei popoli e dei sistemi politici del continente e li riporta sul supporto cartaceo attraverso gesti veloci e semplificati. Il colore, tracciato con i pastelli a cera, testimonia il gesto manuale e quasi infantile dell’artista e il suo provocatorio processo di semplificazione di simbologie complesse. Così rappresentato, il continente africano è un continente “in vendita”, ridotto alle sue stesse semplificazioni territoriali, ricostruito come un colorato puzzle.

 

Legato allo stesso continente è il lavoro Cadernos de Africa. La selezione di fotografie, scattate in differenti luoghi in Africa e Sud America e presentate impilate su tavoli di fortuna, circoscrive la tematica della diversità attraverso scene di vita quotidiana e atti performativi dell’ artista. Le stampe, che qui sono 1000 in edizione illimitata, volutamente filtrate in bianco e nero, sono rese accessibili a chiunque per facilitare la loro fruizione e la distribuzione del semplice ma fondamentale messaggio ad esse connesso.

 

Paulo Nazareth (Governador Valadares, Brazil, 1977) vive e lavora tra il Brasile e il resto del mondo. Il suo lavoro è stato parte di numerose mostre personali e collettive in istituzioni e gallerie internazionali, tra le più recenti: “Premium Bananas”, Museu de Arte de São Paulo - MASP, Sao Paulo, Brazil, (2012-2013), "Veneza Neves", Veneza, Ribeirão das Neves, Minas Gerais, Brazil, (2013), “News from Americas”, Mendes Wood DM, Sao Paulo, Brazil
, (2012), Museu de Arte de Pampulha, Belo Horizonte, Brazil, (2007). Tra le mostre collettive: "Imagine Brazil", Astrup Fearnley Museet, Oslo, Norway , "Entre-temps... Brusquement, et ensuite", 12e Biennale de Lyon, Lyon, France (2013-2014),“Unstable Territory: Borders and identity in contemporary art", Centre for Contemporary Culture at Palazzo Strozzi | CCC Strozzina, Florence, Italy, "The insides are on the outside - O interior está no exterior", Casa de Vidro, Sao Paulo, Brazil, “The Encyclopedic Palace", 55 Biennale di Venezia, Venice, Italy, “Museum as Hub: Walking Drifting Dragging”, New Museum, New York, USA (2013).

Leggi di più