Galleria Franco Noero

PIAZZA CARIGNANO 2
10123, TORINO
ITALIA
VIA MOTTALCIATA 10/B
10154, TORINO
ITALIA

Lara Favaretto
Solo Show

27 maggio — 23 luglio 2004

La Galleria Franco Noero presenta la prima mostra personale di Lara Favaretto a Torino. Alla base dei suoi lavori, per i quali l'artista italiana utilizza il disegno, la fotografia, la scultura, il video, la performance, ecc. c'è sempre l'urgenza di una continua trasformazione e la necessità di coinvolgere gli altri nel processo creativo: 'mi riferisco ai progetti di Lara Favaretto come iniziative, piuttosto che lavori, in quanto la sua pratica si distingue per l'orientamento verso la collaborazione', Giorgio Verzotti in Openings: Lara Favaretto, Artforum, Maggio 2004. La contaminazione e lo scambio continuo di esperienze, anche estranee alla pratica artistica, diventano infatti il mezzo per approdare ad opere 'aperte' e potenziali in cui il ruolo dell'artista viene apparentemente dichiarato fragile e marginale. Le opere in mostra presso la galleria si inseriscono all'interno di un progetto al quale Lara Favaretto sta lavorando ormai da tempo denominato 'Giving you a day'. L'artista dichiara quindi il suo intento di 'regalare un giorno', facendo riferimento al dono come oggetto, che è, in ultima istanza, un simbolo, in quanto ciò che unisce, che dimostra la conoscenza del desiderio altrui, che sancisce un'alleanza e al tempo stesso la simboleggia. Lara Favaretto infatti decentra esplicitamente il ruolo dell'artista includendo altri nel processo di realizzazione dei suoi lavori. Coinvolge gruppi di persone, gente comune, neofiti ed appassionati, al raggiungimento del prodotto finale, avendo cura del mondo reale, nello sforzo di creare situazioni ibride, cercando di trasformare un detto popolare in un 'fatto reale', nella speranza di una risata corale, con il proposito che un giorno tutto possa essere sovvertito e i sogni stessi dell'artista o comuni a tutti noi diventino realtà. Nello spazio di Via Giolitti 52A Lara Favaretto presenta alcuni disegni realizzati a biro nera su gomma para mantenuta in tensione e poi rilasciata ottenendo l’effetto di un’immagine compressa. Essi affiancano il lavoro, centrale per importanza, costituito da un grande albero di dimensioni naturali la cui struttura, grazie ad un congegno meccanico, reagisce al peso esercitato sulla sua stessa base. I rami cederanno e si piegheranno nel momento in cui lo spettatore, interagendo con l'opera, si siederà sul basamento. Questo lavoro rientra nella serie delle macchine del divertimento cui l'artista sta lavorando da alcuni anni e nella quale si inserisce l'ultimo lavoro esposto costituito da stelle filanti mosse, ad intervalli regolari, dal getto d’aria prodotto da una bombola ad aria compressa, sincronizzata da un temporizzatore e da un’elettrovalvola. In parallelo alla mostra, lo spazio di Via Mazzini 39A ospiterà per tre settimane un progetto speciale dell'artista. Il volume espositivo sarà riempito di coriandoli che, grazie all’azione continua di quattro ventilatori a tenuta stagna, saranno vorticosamente e costantemente mossi. Lara Favaretto, nata nel 1973 a Treviso, vive e lavora a Torino. Il suo lavoro è apparso in una serie di mostre personali e collettive nazionali ed internazionali. Tra le sue mostre più recenti ricordiamo i solo-shows presso Art/34/Basel, sezione Art Statements, Basel, 2003; 'Eldorado', GAMEC, Bergamo, 2002. Tra le collettive Swiss Institute-Contemporary Art, New York, 2004; 'Forse Italia', S.M.A.K., Gent, 2003; 'Moltitudini-Solitudini', Museion, Bolzano, 2003; 'Studio Program 2002/2003', PS1, New York, 2003; 'As heavy as the heaven', Kulturzentrum bei den Minoriten, Graz; Kunsthallen Brandts Klæderfabrik, Odense, DK 2003; 'Nuovo Spazio Italiano', Palazzo delle Albere, Trento, 2002; 'Toward Uncertainty', Bell Gallery at Brown University, Providence, USA, 2002; 'Premio Querini Stampalia-Furla per l'Arte, Fondazione Querini Stampalia, Venezia, 2001; 'Il Dono. The Gift', Palazzo delle Papesse, Siena, 2001. A Lara Favaretto è stata recentemente assegnata la Borsa Amici Sostenitori del Castello di Rivoli per l'anno 2004.
Leggi di più