Galleria Franco Noero

PIAZZA CARIGNANO 2
10123, TORINO
ITALIA
VIA MOTTALCIATA 10/B
10154, TORINO
ITALIA

Pablo Bronstein
The largeness of China seen from a great distance

31 ottobre 2017 — 03 febbraio 2018

The largeness of China seen from a great distance è la quinta personale di Pablo Bronstein a Torino presso la Galleria Franco Noero, che è onorata di presentare per i suoi nuovi lavori negli spazi di Piazza Carignano.

 

"Il ‘piano nobile’ di Piazza Carignano 2 dispone al suo interno di una stanza del diciottesimo secolo decorata a cineserie, uno stile diffuso nell’Europa del diciassettesimo secolo evocativo di un senso di romanticismo nei riguardi dell’Oriente. Come dimostra questa piccola stanza, l’Europa è stata infatti per lungo tempo estremamente attratta dalla Cina. Nel XVIII secolo l’interesse e il commercio di beni cinesi di lusso si sviluppò a tal punto da divenire quasi maniacale, moltiplicandosi i tentativi di imitazione della porcellana, delle carte da parati e dei tessuti importati dall’Oriente. Il fascino esercitato dagli oggetti di provenienza cinese e la simbologia da essi espressa furono propedeutici alla crescita globale degli Imperi Europei, e si tramutarono anche in una spinta notevole alla rivoluzione industriale. Le numerose differenze tra Oriente e Occidente nelle arti e tecnologie, la difficoltà di avere una visione chiara della loro politica e della loro cultura e un’opaca e alquanto indecifrabile percezione di entrambe, la sua enorme estensione e grandezza di scala e la percepita onnipotenza dei suoi leaders, condussero ad un’ammirazione mista a timore. Ciò che è chiaro è che la Cina ha sempre restituito lo sguardo ad essa rivolto dagli europei, in modo contemporaneamente ostile e appassionato. Tanto quanto in Europa esistono palazzi in uno stile che imita quello “Cinese”, allo stesso modo in Cina sono stati costruiti edifici ad imitazione dei gusti europei, corredati di oggetti d’arte e di tecniche d’importazione, o realizzati in uno stile occidentale. Questi scambi culturali vanno considerati come una serie di tentativi per capire e codificare culture ‘altre’, altamente sviluppate ed “equivalenti”. Pur tuttavia il modo in cui l’Europa tenta di ricreare la Cina al di fuori di essa diviene come guardare sé stessi riflessi in uno specchio, con indosso un lussuoso costume. Immaginare la Cina diventa come la proiezione dell’Europa su un terreno differente, quasi una trasposizione delle sue paure e dei suoi desideri. Nella mia mostra faccio particolare riferimento all’imitazione e all’importazione di paramenti murali e di carte da parati popolari nella Cina del diciottesimo secolo, all’Orientalismo del balletto classico e barocco, e ad una teoria di illustrazioni architettoniche e di arti decorative a cavallo tra diciottesimo e ventesimo secolo, in un confronto con la remota distanza e la vastità della Cina vista da una prospettiva storica Europea."

 

Pablo Bronstein (Buenos Aires, Argentina, 1977) vive e lavora a Londra. Ha frequentato il College of Art and Design di Saint Martin’s all’Università di Arti di Londra, la Scuola di Belle Arti di Slade e si è laureate all’Università degli Studi Goldsmiths.

 

Mostre personali di Bronstein per il 2017 includono presentazioni a RIBA, Londra e Giove Artland, Edimburgo. Nel 2018, avrà una mostra personale presso la Fondazione Sviluppo e Crescita CRT, Torino e nel 2020 avrà una mostra personale al Museo di Sir John Soane, Londra.
Bronstein è stato il destinatario della Commissione Tate Britain nel 2016, per il quale ha prodotto Danze Storiche in un ambiente antico nelle Gallerie Duveen. Nel 2016 ha anche progettato il set per The Creation prodotto da Rambert e rimesso in scena alla Garsington Opera, Buckinghamshire prima di recarsi a Sadler's Wells, Londra.


Esposizioni personali e progetti includono: Museo Marino Marini, Firenze (2015), REDCAT a Los Angeles (2014), Performance Room, Tate Modern (2013), Centro d’Arte Contemporanea, Ginevra (2013), Kunsthal Charlottenborg, Copenhagen (2011), Sculpture Court Commission, Tate Britain (2010), Metropolitan Museum of Art, New York, (2009), Lenbachhaus e Kunstbau, Monaco (2007).
Ha anche partecipato a festival quali Le Mouvement (2014) e Folkestone Triennal (2014), Manifesta 8 (2010), la Biennale di Praga (2007), Permorma 07 (2007) e la Tate Triennal (2006).

 

Esposizioni in gruppo recenti includono: Idea Home, Middlesbrough Institute of Modern Art, Middlesbrough (2017); Spaces without drama or surface is an illusion, but so is depth, Graham Foundation, Chicago (2017); British Art Show 8, UK (2015-2017); Collected by Thea Westreich Wagner and Ethan Wagner, Whitney Museum of American Art, New York e Centre Pompidou, Parigi (2016-2017); Galerie Rudolfinum, Praga (2016); L’Année dernière à Marienbad, Kunsthalle Bremen (2015); History is Now: 7 Artists Take on Britain, Hayward Gallery, Londra (2015) Folkestone Triennial, a cura di Lewis Biggs, Folkestone (2014); Curiosity: Art and the Pleasures of Knowing, a cura di Brian Dillon, Hayward Touring exhibition (2013-2014); Ideal Standard Forms, Galleria d'Arte Moderna, Torino (2013); Arkhaiologia: Archeology in Contemporary Art, Centre PasquArt, Biel (2011); Scene Shifts, Bonniers Konsthall, Stockholm (2010); MOVE: Choreographing You, Hayward Gallery Touring (2010-2011).

Leggi di più