Galleria Franco Noero

PIAZZA CARIGNANO 2
10123, TORINO
ITALIA
VIA MOTTALCIATA 10/B
10154, TORINO
ITALIA

Costa Vece
This was not the end

06 maggio — 19 giugno 2010

This was not the end è il titolo del nuovo progetto di Costa Vece per la Galleria Franco Noero, per il quale l’artista svizzero ha prodotto una nuova serie di sculture e di opere su carta.


La volontà di documentare aspetti inediti della cultura del mondo, trasformazioni sociali, nuovi panorami architettonici, o i cambiamenti portati da mutate visioni politiche e da fatti di cronaca internazionale, sono il tratto distintivo dei grandi reportage fotografici apparsi su riviste quali ‘Life’ negli Stati Uniti o ‘Du’ in Europa. In essi la visione del presente dava forma a quella di un futuro carico di aspettative.


E’ da questo tipo di sensibilità e di materiale che Costa Vece prende spunto per creare una nuova serie di collages in cui le fotografie tratte da riviste di reportage e da libri di antropologia vengono piegate, ritagliate e letteralmente ‘bucate’.


Sovrapponendo una pagina sull’altra, agli elementi strappati via si sostituiscono immagini fotografiche di natura e qualità completamente diverse, creando una compenetrazione visiva simile a lampi di memoria che si confondono uno con l’altro, silhouettes che si intrecciano in modo da rintracciare delle geometrie nella condizione umana.


Caratteristica della pratica di Vece è quella di lasciare che azioni legate alla propria esperienza personale si riflettano in un panorama di esperienza sociale molto più ampio, e si traducano poi in installazioni e oggetti che innescano un rapporto di reciprocità con lo spazio attorno ad essi e con lo spettatore. La volontà di smettere di fumare ha portato l’artista a masticare gomme alla nicotina con le quali ha creato piccole sculture sospese tra la dispersione astratta della forma nello spazio e il ricordo di incrostazioni e accumulazioni naturali, o di Golem in miniatura. A ciascuna di esse è associato un oggetto d’arredo su cui poggiano - una lampada, uno sgabello, una vetrina, un cesto di vimini, un tavolo da caffè e così via - scelti non perchè elementi di ‘design’, ma quale espressione di familiarità domestica, tanto quanto lo è l’azione ripetuta del masticare.

 

Costa Vece (Herisau, CH, 1969) vive e lavora a Zurigo. Tra le sue mostre personali e collettive in Istituzioni pubbliche internazionali: ‘Life in the Grip of Art’, CAPC, Musée d’Art Contemporain de Bordeaux (2010); ‘Why does my heart feel so bad?’, Binz 39, Zurigo; ‘Carpe Diem, Art and Research’, Palácio do Marques, Lisbona (2009); ‘Revolución-Patriotismo Mandala’, Fondazione Merz, Torino (2008); ‘Research and Invention’, Fotomuseum Winterthur, Winterthur; ‘Ironia Domestica’, Museion, Bolzano (2007); ‘Heaven can wait’, Kunstmuseum Solothurn (2006); ‘War is over’, GAMeC, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea, Bergamo (2005); ‘La fin du mond’, Kunsthalle Schirn, Francoforte (2004); ‘Costa Vece’, Ex Teresa Arte Actual, Città del Messico; ‘House of cards’, Centre d’Art Santa Monica, Barcellona (2004); ‘Look back in anger’, Migros Museum für Gegenwartskunst, Zurigo; ‘Tirana Bienale 1’, Tirana; ‘Squatters’, Museu Serralves, Porto e Witte de With, Rotterdam (2001); ‘Aperto over all’, 48. Biennale di Venezia (1999)

Leggi di più